Crea sito

“MONEY MANAGEMENT E PSICOLOGIA: Regole per migliorare la propria attività di trading”

Oggi desidero rivelarvi il risultato di una indagine statistica elaborata sul blog www.bussolaforex.blogspot.it

ed esprimere una riflessione. La pagina più cliccata è risultata Tecniche Forex.

Nulla di male perchè e’ normale che gli utenti siano alla ricerca di una Tecnica per guadagnare più soldi, in

modo facile e senza fatica. Vi devo deludere perchè una tecnica o un metodo in assoluto non c’è ed anche se ci

fosse , gli utenti continuerebbero a ricercarne altre e non si accontenterebbero mai.

Con ciò non intendo dire che non ci siano traders profittevoli.

Lo scopo di questo articolo è di segnalare, al di là delle tecniche, cosa il trader deve tenere nella sua

cassetta degli attrezzi per essere profittevole nel” lungo “periodo.

Il lungo periodo non l’ho usato a caso perchè ci saranno, inevitabilmente delle giornate nere.

L’importante è comprendere che lo stop loss rappresenta il rischio d’impresa, alla stessa stregua dei costi

fissi, che un imprenditore sopporta nella sua attività di impresa.

L’importante è che a fine esercizio i Ricavi superino i Costi.

Fatta questa premessa chiedo agli utenti di concentrare l’attenzione sulle seguenti regole: .

1.Stabilire quanto tempo si è disposti ad investire nell’attività di Trading.compatibile con il proprio lavoro , la famiglia e il tempo libero; ( Non significa che chi ha più tempo possa essere più profittevole rispetto a chi ha meno tempo)

Sulla base del proprio tempo si potrà decidere quale tecnica scegliere.

2.Studiare i mercati prendendo nota delle notizie macroeconomiche più importanti dal calendario economico.
Non tenere subito in debita considerazione una informazione dai mass media.
Il mercato potrebbe aver già scontato la notizia.

3.Applicare un metodo senza cambiare le regole in corso d’opera.
Mi riferisco in particolar modo ai criteri di entrata e di uscita da un trade.
Non lasciarsi coinvolgere dalle emozioni .
Non spostare lo Stop Loss quando il trade sta andando male .
Non aumentare il numero dei lotti scambiati per equilibrare il prezzo di carico.
Utilizzare sempre lo stop loss e il take profit. inserendoli al momento dell’ordine (Significa che avete già pianificato l’operazione, prevedendo una via di fuga e senza correre dei rischi imprevisti n caso di caduta di linea di collegamento alla piattaforma di trading )
In caso di trade nella direzione auspicata applicare il Trailing Stop( Tenere presente che funziona solo a Piattaforma collegata)
Non piazzare Stop Loss e Take profit a casaccio.

4.Studiando e seguendo webinars inizierete, questo è l’auspicio , a vedere i Grafici non con i vostri stessi occhi ma con gli occhi delle grandi banche ed altri Istituzionali.
Il motivo è semplice, ci sono dei livelli di prezzo molto sensibili dove la maggior parte dei traders concentrano la loro attenzione e dove hanno piazzato ordini pendenti( Acquisti, Vendite, stopLoss e Take Profit)

5.Allontanarsi dal Pc quando si subisce un sequenza negativa di trades.
Non tentare subito di recuperare.E’ facile subire maggiori perdite.
I mercati sono sempre lì e c’è sempre tempo …. per perdere ( questa è una provocazione!! )

6) Ricordarsi che il trading non è una scienza esatta.
Si basa molto sull’analisi di eventi passati che statisticamente tendono a ripetersi.
La tecnica è tutta qui anche se l’imprevisto è dietro l’angolo.
L’importante è avere in termini monetari più trades vincenti che perdenti.

7) In gergo tra i traders si recita una frase:
Lasciare correre i Profitti e Tagliare le Perdite. Non dimenticarla.

8) Ultima regola non per questo di minore importanza :
Non pensare al trading come ad un gioco.
E’ una vera professione
Ora due vignette per sdrammatizzare
managemernypsicologia

Avviso di rischio – Questo Blog ha esclusivamente finalità didattiche. Quanto descritto e spiegato sul funzionamento del Forex, opzioni binarie o digitali e opzioni vanilla o tradizionali non deve pertanto essere inteso in alcun modo come consiglio operativo di investimento né come sollecitazione alla raccolta di pubblico risparmio.
I risultati presentati – reali o simulati – non costituiscono alcuna garanzia relativamente a ipotetiche performance future. L’attività di trading comporta notevoli rischi economici e chiunque la svolga lo fa sotto la propria ed esclusiva responsabilità, pertanto l’amministratore del presente blog non si assume alcuna responsabilità circa eventuali danni diretti o indiretti relativamente a decisioni di investimento prese dal lettore dopo aver letto un articolo qui pubblicato. La presente nota informativa viene fornita in conformità alle norme prescritte dagli organi di controllo (Authority) dei mercati finanziari.
Il trading viene eseguito tramite dei CFDs che sono prodotti a leva finanziaria; tali prodotti possono dar luogo a perdite che possono eccedere il capitale inizialmente versato. L’attività di trading con i CFD non e’ adatta a qualsiasi tipo di utente, per questo motivo e’ di fondamentale importanza che il cliente comprenda i rischi che l’attività di trading comporta. Si consiglia di esercitarsi su Conti Demo al fine di sperimentare le proprie capacita’ di apprendimento al fine di non azzerare conti con denaro reale.

Tutte le informazioni su questa pagina sono soggette a modifiche. Il trading comporta il rischio di perdite di denaro: il trader dovrebbe pertanto considerare attentamente le proprie decisioni, tenendo in considerazione tale possibilità, e utilizzare solo fondi non necessari. Tutte le opinioni, notizie, ricerche, analisi, prezzi o altre informazioni contenute in questo blog e fornite dall’amministratore del Blog o da terze parti sono pubblicate come commento generale di mercato e non costituiscono consulenza sugli investimenti

Si precisa quanto segue:

L’ eventuale analisi tecnica rilasciata e pubblicata a titolo gratuito su questo blog e su Social gruppi ad esempio Telegram , WhatsApp , Facebook , Twitter e altri non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dall’articolo 1 comma 5 septies del decreto legislativo 58/98, così come modificato dal decreto legislativo 167/2007.

Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale.

Pertanto le analisi, i segnali operativi ed ogni altra informazione o articolo pubblicato hanno carattere puramente informativo e non costituiscono in alcun modo consulenza finanziaria, né costituiscono sollecitazione del pubblico risparmio, di conseguenza tutti i contenuti in sopra riportati vanno intesi come pure e semplici opinioni personali dell’Autore.

Ogni utente utilizzerà sotto la propria responsabilità le informazioni fornite all’interno delle comunicazioni e pertanto si ribadisce che gli Autori si sollevano da ogni responsabilità, per danni diretti o indiretti conseguenti all’uso delle informazioni, indicazioni e link suggeriti e contenuti.